<<Indietro


CONSORZIO FORESTALE DI PIEDICAVALLO
via IV Novembre, 2 c/o municipio
13812 Piedicavallo BI

RELAZIONE ASSEMBLEA DEL 25 novembre 2018

L’assemblea annuale quest’anno si è svolta nel salone della Società Operaia di mutuo soccorso di Piedicavallo in quanto la consueta sede degli Alpini era già occupata per un’attività sociale.
Alle ore 16,15 il vice presidente ed il presidente hanno dato inizio all’assemblea salutando e ringraziando i numerosi convenuti ed in particolare i tecnici forestali della Ges.Ter.
Il presidente, ringraziando la Società Operaia che ci ospitava, ha ricordato i princìpi di condivisione e lungimiranza dei fondatori delle società di mutuo soccorso che in particolare a Piedicavallo, sostenendo le famiglie in difficoltà, permisero loro di rimanere a vivere e lavorare radicate al territorio. Il richiamo a questi valori è stato così lo spunto per ringraziare i tanti soci del consorzio forestale che, con spirito di condivisione, hanno messo piccoli gesti a servizio degli altri, magari togliendo i sassi o i rami caduti sulla pista consortile. La lungimiranza, ha proseguito il presidente, è quanto il consorzio sta mettendo in pratica con la stesura del Piano Forestale Aziendale, punto principale dell’ordine del giorno.
Un solo socio ha esternato la rituale polemica circa la manutenzione della pista, che a suo dire è insufficiente, considerando anche che si paga la tessera annuale.
Il presidente ha dato evidenza, leggendo il bilancio 2018, delle risorse spese dal consorzio per la manutenzione della pista. Le entrate garantite dal pagamento delle tessere non consentirebbero gli interventi straordinari già eseguiti e quelli in progetto se non ci fossero le altre risorse conseguite dall’amministrazione: in pratica i finanziamenti pubblici a cui si accede con la predisposizione delle domande (ed in competizione con enti più grandi e strutturati di noi) oppure le risorse derivanti dal taglio della legna sono evidentemente voci di bilancio più importanti del semplice pagamento delle tessere. Oltre a tre interventi di manutenzione ordinaria, alla pulizia della neve (quest’ultima pagata da Guido Muscato) quest’anno abbiamo preparato il progetto per il miglioramento dei tornanti con il cemento e l’allargamento di un tratto di pista ai Saler per migliorare la viabilità e la sicurezza.
La lettura del bilancio è stata rapida per consentire ai tecnici forestali di presentare il Piano Forestale. La misura 225 doveva concludersi a maggio ma la Regione ci ha concesso una proroga fino alla fine dell’anno. Con questo tempo in più, completiamo il piano forestale. Le spese sostenute per gli impegni della 225 sono quasi terminate ed una volta concluse dovrebbero lasciare in cassa circa 75.000€ (salvo imprevisti) cioè 15.000€ in più rispetto alle previsioni dello scorso anno. Il bilancio 2018 registra un attivo di circa 93.000€ con 14.000€ circa di entrate e oltre 91.000€ di uscite, principalmente per le fatture relative alla misura 225.
Roberta e Paolo, i tecnici forestali, hanno presentato il piano forestale aziendale, spiegando in modo comprensibile a tutti, cosa sia e a cosa serva. La mole di lavoro necessaria a predisporre i grafici, le tabelle, le carte e quant’altro esposto ha destato tanta ammirazione e riconoscenza che alla fine dell’esposizione l’assemblea ha ringraziato i tecnici e l’amministrazione con un generoso e sincero applauso.
Il Piano raccoglie i dati di fatto e le prospettive del consorzio, è il punto di partenza ed il futuro della gestione per i prossimi anni. Le misurazioni eseguite in tutti i boschi gestiti dal consorzio consentono di stabilire i parametri di crescita delle piante e quindi il volume di legna che si potrebbe estrarre senza danneggiarli. Sono stati individuati alcuni alberi particolarmente belli e grandi da inserire nel registro degli alberi monumentali del Piemonte. Nel piano sono inserite inoltre le possibili piste che consentirebbero una migliore gestione del territorio.
Al termine dell’esposizione del piano, con numerosi interventi dei soci interessati e coinvolti, l’assemblea annuale, con un applauso, ha sancito l’approvazione del lavoro proposto e si è conclusa alle ore 18,15 con il brindisi augurale.

Il Segretario Marco Ribaldone

 

<<Indietro